Categorie

I più venduti

contatore accessi

L'arrivo di Ryzen ha abbassato i prezzi delle CPU Intel ?

mag 1, 2017 0Commenti Uncategories

Sono passati circa due mesi dal debutto dei Ryzen 7 e alcune settimane da quello dei Ryzen 5. Prima dell'arrivo della nuova gamma di AMD si vociferava di una possibile e immediata risposta di Intel alle nuove proposte, con un taglio dei prezzi dei chip Core i5 e Core i7.
Ufficialmente Intel non ha comunicato una revisione dei listini, ma abbiamo voluto dare un'occhiata per verificare direttamente la situazione. Una sorta di fact checking, insomma.
Per farla breve, chi si aspettava un crollo dei prezzi per fare un affare è rimasto deluso. Partiamo dai Core i7, dal top di gamma Core i7-6950X con 10 core, che è rimasto stabilmente su un prezzo tra 1800/1900 euro.
Il Core i7-6900K, addirittura, è rimasto a circa 1000 euro fino a inizio marzo, salendo poi a circa 1100 euro. E dire che questo processore vede in Ryzen 7 1800X il suo direttore concorrente, con un listino pari alla metà. Anzi, osservando i tre modelli Ryzen 7 abbiamo registrato un calo dei listini dal debutto a oggi di circa 20/40 euro.
Il Core i7-6800K è rimasto a circa 400 euro, mentre il Core i7-7700K ha visto scendere il suo prezzo leggermente a metà marzo, prima dell'arrivo di Ryzen 7, passando da un listino medio di 390 a 375 euro.
Forse a rimodulare l'offerta sono stati semplicemente i rivenditori e le classiche dinamiche di mercato, oppure Intel si è mossa preventivamente, ma propendiamo per una delle prime due opzioni.
Per quanto riguarda i Core i5, abbiamo tenuto sotto controllo i modelli Core i5-7400, 7500 e 7600K. Anche in questo caso ci sono stati dei cali, ma ben prima dell'arrivo delle CPU Ryzen 5. Il 7400 si è attestato a circa 200 euro fino a inizio marzo, e poi si è stabilizzato a 180 euro. Il modello 7500 è passato nello stesso periodo da 225 a 213 euro. Infine, il 7600K è passato da 270 euro a 235/240 euro, ma a fine febbraio.
Contrariamente ai Ryzen 7, il listino dei Ryzen 5 è pressoché invariato rispetto al debutto. Tutto questo potrebbe portarci a diverse considerazioni, prima fra tutte.... Che peccato! Ci sarebbe piaciuto vedere un calo dei prezzi dei chip Intel generalizzato che invece non si è verificato.
La seconda è che Intel non sembra essere caduta nel panico, almeno non al momento. Non sappiamo con certezza quanto stiano vendendo i processori Ryzen, quindi non ci sbilanciamo in tal senso, ma dalle ultime indiscrezioni sembra che Intel sia concentrata più a rispondere con le future soluzioni (Kaby Lake-X, Skylake-X e Coffee Lake) che riposizionando le proposte attuali.
In attesa dei prossimi sviluppi, questo primo round nel rinnovato match tra le due aziende ci lascia con sensazioni piuttosto positive per il futuro e, anche se i tagli di prezzo non si sono verificati come avremmo voluto e magari qualcuno non è riuscito a strappare l'affare che si aspettava, finalmente c'è competizione in un mercato troppo a lungo poco dinamico. Siamo sicuri di una cosa: il meglio deve ancora venire !

Lascia un commento

* Nome:
* E-mail: (Non pubblicato)
Sito web: (URL del sito con http://)
* Commenti:

Nuovi prodotti